Teschio tattoo: simbologia e significato

0
302
Teschio tattoo by @reddroptattoo
Teschio tattoo

Oggi si fa un gran parlare del teschio Messicano, vista la sua nota popolarità raggiunta in tempi notevolmente brevi! Citiamo il teschio messicano poiché si è andato sostituendo in occidente, a quello classico che andava di moda negli anni passati e inoltre entrambi hanno un significato legato alla religione e all’esoterismo.

Teschio tattoo – Oggi vogliamo parlare proprio dell’origine del tatuaggio teschio classico, per capire da dove è nato e come è cambiata la sua connotazione e rappresentazione nel corso degli anni! Se infatti oggi possiamo trovarlo in molteplici forme e stili, la sua origine è molto antica e la sua figura possiede una forte carica esoterica che affonda le sue radici nelle tribù di un passato molto lontano.

Il teschio tattoo e la sua storia tribale

Il teschio viene tatuato da tempo immemore, basti pensare che le popolazioni native Americane, le tribù Africane e tra gli aborigeni australiani, era una pratica comune conservare il teschi dei propri avi che poi venivano messi all’entrata delle proprie abitazioni o dei villaggi come monito per qualunque sconosciuto si sarebbe avvicinato: questo perché si credeva che gli spiriti degli avi che un tempo riempivano questi scheletri, potessero proteggere e vegliare sui componenti della famiglia! Simboleggiavano quindi protezione! Un’altra pratica di pratica di queste tribù era quella di conservare i teschi dei nemici caduti in battaglia, come simbolo di vittoria e per tenere lontani glia spiriti maligni. Inoltre venivano tatuati sulla pelle dei combattenti aborigeni, al fine di incutere timore agli occhi del nemico!

Simbologia del teschio tattoo

Ma se come abbiamo appena visto attraverso la sua origine tribale, ci limitassimo a vedere in questa figura solo questa accezione, ci sbaglieremmo di grosso! Infatti questa immagine possiede vari significati, molti legati alla sfera esoterica! Infatti rappresenta una sorta di monito poiché tutti quanti, prima o poi, sono destinati alla morte, rimanda alla caducità della vita e di quanto sia effimera e passeggera. Il teschio dunque rappresenta il momento in cui chiunque, indipendentemente dall’etnia o dal sesso, alla fine va incontro lo stesso destino, senza distinzioni e ciò che resta è proprio lo scheletro. Ma la sua immagine e legata anche al mondo celtico: infatti questa cultura vedevano nel teschio, il luogo in cui risiedeva lo spirito, il simbolo dell’anima e della scintilla divina!  Nel medioevo invece rappresentava la redenzione umana!

Immortalità

Invece il teschio, nella cultura Cristiana, assume il simbolo di immortalità: secondo il credo infatti, oltre la vita ci aspetta un proseguo ultraterreno; quindi la morte non rappresenta una fine ma l’inizio di un viaggio verso una meta migliore. Inoltre il teschio, essendo la parte dello scheletro che si consuma per ultimo durante la sua decomposizione, rimanda ancora una volta all’immortalità, alla sua durata eterna: infatti spesso viene tatuato per ricordare un caro defunto, che nonostante la morte lo separi, continuerà sempre a vegliare su di noi. Quando il teschio invece, viene rappresentato con un serpente avvinghiato allo stesso, rimanda alla figura della conoscenza e dell’immortalità che questa porta in sé! Ricordiamo poi che nella cultura Messicana la sua accezione e completamente positiva: infatti il “Dia de los muertos” viene celebrato il 2 novembre per ricordare i defunti che vegliano ancora su di noi e ci proteggeranno per i resto della nostra vita, come poi faremo noi con i nostri discendenti all’infinito.

Stile e posizionamento del teschio tattoo

Di seguito vi lasciamo una gallery con diversi tatuaggi teschio, realizzati in vari stili: infatti seppure le sue origini affondino nell’Old School, in realtà la sua esecuzione è eseguibile in quasi tutti gli altri generi! Inoltre il suo posizionamento, vista la forma, risulta essere  influenzabile dalle sole preferenze del richiedente!

Utilizzo del teschio nella storia

Questo soggetto viene riportato i varie culture ed epoche storiche! Basti pensare ai quadri di Dalì in cui si presenta come un soggetto ricorrente o al movimento artistico del 1600 “Vanitas”, dal latino vanità, che aveva come centro della suo credo la caducità di tutto ciò che è bello, poiché destinato ad una fine mortale. Ricordiamo poi la tragedia shakespeariana: l’Amleto, in cui il protagonista riflette sul senso della vita parlando proprio ad una teschio che tiene tra le mani.  Successivamente fu anche utilizzato come emblema dalle navi pirata, insieme alle ossa delle tibie incrociate tra loro, come stemma delle loro bandiere, la cosiddetta Jolly Roger: ad indicare il pericolo in cui si incorreva quando ci si imbatteva con una loro nave!

Sviluppo in Occidente

In occidente il teschio si diffuse tra vari gruppi sociali negli anni ’60 e ’70 soprattutto in America e in Inghilterra! Tracce ne troviamo comunque anche in Italia: in ogni caso per la maggior parte venivano portatiti da gruppi di motociclisti. In questo caso il suo utilizzo aveva un accezione del tutto diversa da tutte quelle appena elencate: infatti rappresentava lo sprezzo del pericolo e della paura della morte, era proprio l’emblema di una vita condotta in modo spericolato, senza temere le possibili conseguenze!

Il teschio tattoo oggi

Ad oggi possiamo trovare una grande varietà nella sua rappresentazione, attraverso stili e tecniche diverse e accompagnato da elementi che rimandano alla stessa simbologia! Tra gli Skull tattoo accompagnati da altri soggetti, ricordiamo:

  • Sugar-skull: elemento ricorrente durante il “Dia de los muertos”, è un tatuaggio molto colorato e viene realizzato nello stile Chicano! Nella cultura messicana, viene utilizzato come offerta per i defunti;
  • Teschio messicano: anch’esso tipico dello stile Chicano, è caratterizzato da diversi colori ed elementi decorativi, tra cui rose, nonché come maschera disegnata sul viso di una bella ragazza, come simbolo di celebrazione del giorno dei morti;
  • Teschio con la rosa: come il teschio, la rosa sboccia e poco dopo tempo appassisce; un chiaro rimando dunque alla caducità della vita;
  • Teschio con la clessidra: tipico emblema del cosiddetto “memento mori”, come monito che tutti sono di passaggio e che per chi nasce, la morte è l’unica cosa sicura;
  • teschio motociclista: rappresentare uno scheletro a figura intera su una moto era uno dei soggetti prediletti per i biker degli anni ’70; rappresentava per questi gruppi, il pericolo contro cui si andava, sempre senza paura, sfidando continuamente la morte con il loro stile di vita;
  • Teschio sorridente: possiamo trovarlo ritratto con un sorriso, beffardo, quasi a sbeffeggiare la morte che ormai lo ha già raggiunto e ora non più più far altro;
  • Teschio con corona: rappresenta il trionfo della morte;
  • Teschio con serpente: indica il simbolo della conoscenza e dell’immortalità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here