Tatuaggi caviglia: tutto quello che c’è da sapere

tatuaggi caviglia
tattoo by @madame_unikat

Se il tatuaggio è una parola, un modo di dire, o semplicemente un simbolo che racchiude un significato particolare, il tattoo alla caviglia è un ottimo modo per mostrare il lato creativo di ognuno di noi.

Gettonati soprattutto dal sesso femminile, poiché tende a mostrare di più le caviglie rispetto agli uomini, di norma sono i tatuaggi più piccoli e facili da nascondere, specie se in base alla carriera professionale scelta, non vengono accettati. Con i sandali, infradito o tacchi alti, la caviglia tatuata è davvero versatile ed è di grande effetto soprattutto se il disegno o la frase termina sulle parti dei piedi. Come per ogni tattoo che si rispetti, la regola fondamentale è scegliere accuratamente un disegno che possa soddisfarvi per tutta la vita. I tatuaggi più richiesti alla caviglia sono i vari tipi di fiore come rose, loto, fiori di ciliegio e di pesco, farfalle, fatine, trifogli, ferri di cavallo, i vari tribali, stelline, ideogrammi cinesi ma anche nomi e volti dei propri figli o del proprio partner.

Consigli

Qualunque sia il progetto che si ha in mente, dovrà avere un significato speciale per voi, qualcosa di cui si vorrà ben volentieri parlare quando vi verrà chiesto il motivo sulla scelta del vostro tattoo. Ma attenzione, è bene selezionare il tatuaggio più adatto in base alla dimensione della vostra caviglia e soprattutto non esagerare con colori eccessivi o turbinii di stelle e cuori su tutta la caviglia, poiché l’effetto kitsch è dietro l’angolo. Se il vostro obiettivo è rendere più elegante la caviglia, meglio optare per un disegno semplice. E poi, donne, potrete indossare indumenti che mettano in mostra le caviglie, sfoggiare la vostra sinuosa andatura magari con un sandalo tacco 12 e perché no, accavallare le gambe mostrando il vostro tattoo. E cadranno letteralmente tutti ai vostri piedi!

Galleria immagini

Dolore

Per quanto riguarda il dolore, premettiamo che questo è relativo. Questa una delle domanda più frequenti che tormenta tutte le persone che decidono di farsi un tatuaggio per la prima volta.

In merito a questa sensazione, appunto soggettiva, ci sono persone che dicono di sentire solo un pizzichino, altre che avvertono tanto dolore, questo perché ogni persona ha una soglia del dolore differente in ogni sede del corpo. Tra le zona molto sensibili ritroviamo il piede, la caviglia insieme alla mano e ai polsi. Il dolore in queste zone è accentuato sia perché le ossa sono più superficiali e quindi l’ago potrebbe toccare alcuni punti e provocare dolore, sia perché passano molte terminazioni nervose. Dopo aver fatto il tatuaggio, la prima cosa che bisogna fare è curarlo per garantire un ottimo processo di cicatrizzazione. Appena arrivate a casa, toglietevi la pellicola che vi è stata applicata in precedenza dal vostro tatuatore professionista e lavate il tatuaggio con dell’acqua fresca, dopo di che lasciate il tattoo scoperto per circa 20 minuti.

Terminato il tempo, applicate delicatamente la crema che vi è stata consigliata dal tatuatore. Un’altro consiglio è quello di lasciare il tatuaggio scoperto quando siete a casa in modo che prenda aria e ripetere i procedimenti descritti precedentemente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.