Bolla al piercing al naso: di cosa si tratta e come curarla

Bolla piercing naso
credit by @megaanferreira

La bolla che si forma sul piercing al naso, sia che portiate un cerchietto al naso o un altra tipologia di gioiello, è molto comune ed è sicuramente un’infezione o un principio di quest’ultima, che deve essere curato e trattato al più presto, prima che si trasformi in un problema più grave! Si tratta di un episodio che non si limita alla sola area del naso: infatti può capitare anche la formazione di una bolla piercing ombelico e una bolla piercing all’orecchio! Vediamo insieme come comportarci quando si presenta questa fastidiosa infezione e come fare affinché non si ripresenti in futuro!

La bollicina in prossimità del foro al naso si forma solitamente nei primi periodi dopo l’esecuzione di un piercing, ma può verificarsi anche dopo tempo, prima della completa cicatrizzazione del foro. Questa piccola bolla è spesso fastidiosa e trovandosi proprio accanto al foro, causa un rialzamento dell’orecchino utilizzato ed un rossore molto antiestetico. In genere, una bolla è un sinonimo di infezione ed è necessario trattarla subito perché potrebbe cicatrizzarsi con questo tessuto in più che non potrà più essere rimosso. L’infezione inoltre, anche se comincia in maniera molto contenuta ( infatti inizialmente sembra che si tratti di un piccolo brufolino ) può espandersi e portare a delle conseguenze peggiori.

Come evitare che si formi un infezione piercing naso

Per evitare la formazione di questa infezione è necessario prendersi cura del proprio piercing nel periodo immediatamente successivo all’esecuzione del foro, costantemente, evitando di toccarlo con le mani o con qualsiasi altra parte potenzialmente non igienizzata! Di seguito vi lasciamo alcuni consigli da seguire, per proteggere al meglio il vostro piercing e garantirgli una cicatrizzazione ottimale e veloce:

  • Evitate di cambiare troppo frequentemente orecchino, e di utilizzare orecchini di qualità scarsa o di un materiale che può causare allergie! Usate per i primi tempi gioielli in oro, se non siete allergici, oppure in acciaio chirurgico.
  • Evitate di applicare prodotti make-up intorno la zona del vostro piercing per i primi giorni, poiché le sostanze che lo compongono, potrebbero irritare e arrossare il vostro piercing e portare ad un potenziale esposizione a varie infezioni.
  • Sarebbe consono per chi porta i capelli lunghi, legarli per i primi tempi per evitare che si possano incastrare intorno al gioiello!
  • Infine tenete le lenzuola e le federe del vostro letto, il più pulite possibile, per evitare il proliferare di germi che possano entrare nella vostra ferita ancora aperta!

Come curare infezione piercing naso bolla

la soluzione salina per la cura dei piercing
photo credit to guardaconilcuore.org

È necessario curare bene il foro portandolo ad una cicatrizzazione completa, ma senza utilizzare prodotti troppo aggressivi. Sia nel corso dell’infezione che nei primi periodi dal duo insorgere, bisogna prima di tutto, bagnare il foro con della soluzione salina, aiutandosi se necessario con garze sterili, ed evitare di cambiare piercing per i primi giorni. Per chi invece presenta una pelle particolarmente sensibile, consigliamo di aggiungere anche della camomilla alla miscela di sale e acqua, in modo tale da unire alla sua proprietà igienizzante anche una parte addolcente e lenitiva! State lontani da agenti troppo aggressivi come disinfettanti, poiché contengono alcool che potrebbe irritare ancora di più l’infiammazione!

Bolla piercing naso: cosa fare se non va via?

Solitamente questa infezione regredisce nel giro di poco tempo, tuttavia se qualsiasi trattamento non dovesse funzionare adeguatamente, sarà necessario rivolgersi ad un esperto dermatologo che vi fornirà la cura adeguata per eliminarla.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.