Tatuaggio: rimuoverlo provoca cicatrici?



Tatuaggio, tatuaggio e ancora tatuaggio…al giorno d’oggi i ragazzi la prima cosa che chiedono come regalo ai propri genitori e farsi tatuare sulla pelle il disegno che hanno sempre desiderato fin da piccoli. Una moda che con il passare degli anni sta attirando sempre più gente. Riassumendo brevemente il significato di tatuaggio, siamo davanti ad un qualcosa che rimarrà per tutta la vita marchiato su di voi.

Tatuaggio

Un disegno che non potrà mai essere cancellato, anche se alla fin dei conti in circolazione ci sono tantissime tecniche dolorose che noi personalmente vi sconsigliamo, una traccia indelebile che ognuno di voi si porterà sulla pelle fino alla fine della propria vita. Questo, almeno, teoria…Nella pratica, infatti, per chi non lo sapesse, si può optare per diverse ragioni di far eliminare il proprio tatuaggio e in questo caso la domanda che vi poniamo è la seguente: cosa bisogna fare? Vediamolo insieme.

Eliminare un tatuaggio si può ma bisogna prestare attenzione assoluta alla scelta della tecnica migliore: il rischio è sempre dietro l’angolo, è infatti quello peggiore è il rischio di ritrovarsi una brutta cicatrice molto evidente e di gran lunga meno gradevole in termini di estetica del tatuaggio che si è scelto per motivi che solo voi sapete di eliminare.

Esistono tantissime tecniche che nel giro di qualche ora vi consentono di eliminare un tatuaggio, molti rincorrono alla chirurgia: se si sceglie dunque tale tecnica bisogna mettere in conto che un intervento chirurgico vi può lasciare diverse cicatrici. Ai tempi d’oggi infatti la tecnica chirurgica è altamente sconsigliata proprio perché lascia segni sulla pelle che difficilmente andranno via.

Allora quale è la tecnica perfetta per eliminare il tatuaggio? Vi consigliamo il laser per eliminare il vostro tatuaggio senza rischiare di incombere nelle bruttissime cicatrici. Tale tecnica, rispetto all’intervento chirurgico, garantisce un risultato esteticamente impeccabile.

La tecnica del laser alla fin dei conti sfrutta la potenza della luce per darvi una grossa mano a rimuovere una volta per tutte il tatuaggio che per un motivo o l’altro è diventato brutto e lo fa facendovi percepire il minimo dolore e lasciandovi meno cicatrici possibile: se la tecnica della chirurgia punta ad eliminare, completamente, la parte tatuata, facendo affidamento all’utilizzo del laser, invece, l’inchiostro con cui è stato fatto il tatuaggio viene semplicemente colpito di continuo da raggi luminosi che man mano vanno a frammentarlo con conseguente eliminazione di quest’ultimo. Dunque affidatevi alla tecnica del laser se realmente volete rimuovere il tatuaggio.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto