I tatuaggi realmente sono proibiti dalla bibbia?



Al giorno d’oggi tutti desiderano avere almeno un tatuaggio sul proprio corpo, nel corso di questi ultimi mesi tale pratica è diventata molto diffusa in maniera particolare per quanto riguarda gli adolescenti. I tatuaggi, senza girarci troppo attorno, ormai non sono più un’esclusiva per i ribelli, quelli che tendono sempre a mettersi in mostra o nel peggior dei casi avanzi di galera. Anche un semplice cristiano, il più cattolico e non presente sulla Terra, ultimamente si stanno tatuando tutto e di più. Alla fin dei conti un disegno sulla pelle cosa volete che sia?

Tatuaggi

Il più delle volte nel corso della propria vita arriva il momento che si realizza di volere a tutti i costi un tatuaggio di un qualcosa che da piccoli si è sempre desiderato avere addosso, e se chi non è credente può prendere tale decisione senza pensarci sopra, chi è credente il più delle volte deve per forza tener conto di quanto riportato nella Bibbia.

La domanda che ora vi poniamo è la seguente: cosa dice la Bibbia a riguardo dei tatuaggi? E’ vero che sono completamente proibiti? Oppure si possono fare tranquillamente? Andiamo a rispondere ad ogni vostro dubbio. Una comune persona cattolica che improvvisamente viene assalita dalla voglia di farsi un tatuaggio non potrà ignorare i versetti che sono riportati nella Bibbia:

“Non vi farete inci­sioni nella carne per un mor­to, né vi farete dei tatuaggi addosso. Io sono il Signore”. Si, sappiate che anche durante il tempo del popolo ebraico e i primissimi rapporti con il Signore monoteista c’erano tatuaggi con le popolazioni che gli utilizzavano prevalentemente per commemorare una persona cara morta. Tutto questo per esempio era un’usanza tipica della popolazione Egizia.

Dunque il tatuaggio per un cristiano cattolico è permesso? Sicuramente noi per dare risposte in tal caso non siamo nessuno, ma sta di fatto che la Chiesa Cattolica ricorre ad un concetto ben preciso quando si tratta di proibire, ai suoi fedeli, qualunque tatuaggio.

Il corpo di ognuno di noi dalla Chiesa, per chi non lo sapesse, è considerato come proprietà e tempio del Signore, motivazione per la quale le modifiche di questo genere non sono ammesse, la Chiesa ancora oggi, è contraria più che mai ai tatuaggi e ai piercing.

Ad ogni caso, Bibbia o no, vi consigliamo vivamente – se effettivamente siete credenti al 100% – di rivolgervi al vostro sacerdote di fiducia, che sicuramente sarà felice di parlare con voi di un tema cosi delicato tra Chiesa, tatuaggio e piercing.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto