Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.

Piercing, idee e consigli



L’atto di perforare il proprio corpo si perde nella notte dei tempi. Era ancora ben lontana l’invenzione della scrittura quando gli uomini pensarono di adornare il proprio corpo con installazioni artistiche. I motivi che spingevano l’uomo a questa pratica erano tanti e completamente diversi tra loro. Religione, moda, spiritualità, trasgressione, sono davvero tante le motivazioni che portavano gli antichi alla realizzazione di quello che oggi chiamiamo piercing (dall’inglese to pierce che significa “perforare”). Sono davvero numerose le installazioni che possono essere applicate sul corpo e tanti sono i materiali che gli uomini da millenni utilizzano per queste decorazioni.

Piercing

Dall’osso alle pietre preziose fino ai moderni metalli che si utilizzano per realizzare un foro. Naturalmente le applicazioni nel corso dei millenni hanno assunto significati completamente diversi, anche se la moda si è conservata intatta. Le parti del corpo maggiormente interessate da queste applicazioni sono diverse: dai lobi dell’orecchio, al setto nasale, al labbro alla lingua fino agli organi genitali maschili e femminili. Ma se nel lontano passato preistorico l’applicazione di un piercing poteva rappresentare un chiaro segno di distinzione tra una tribù ed un’altra, magari rivale, oggi il significato dei piercing è riferito essenzialmente ad un significato che va dalla trasgressione all’erotismo. Il più comune dei buchi, quello all’orecchio, è anche probabilmente uno dei più antichi. L’applicazione del metallo in varie parti del corpo in alcune civiltà poteva rappresentare una sorta di scudo nei confronti delle forze maligne ed avere un piercing nell’orecchio, proprio in corrispondenza di un’apertura del corpo, impediva allo spirito di entrare nell’uomo che lo possedeva.

Piercing all'ombelico

Anche l’uomo più antico mai conosciuto, la mummia Otzi, ne aveva uno all’orecchio dalla grandezza di circa sette millimetri. Notizie del’esistenza dei piercing si trovano anche nel più famoso dei libri: la Bibbia. Tra gli antichi Romani, invece, l‘introduzione dei piercing è dovuta a Giulio Cesare mentre il popolo degli Atzechi usava dei dilatatori che fungevano da decorazioni. I marinai utilizzavano i piercing ai lobi per una credenza che diceva che queste applicazioni migliorassero la vista; un modo che permetteva di ambire al posto di vedetta, uno dei ruoli preferiti. Un altro dei motivi che spingevano i marinai a portare sempre un orecchino d’oro è che esso permetteva una sepoltura degna nel caso che i loro corpi fossero trovati su una spiaggia, a seguito di un naufragio. Secondo una credenza popolare, sempre riguardo i marinai, coloro che erano disposti ad avere rapporti omosessuali lo comunicavano proprio portandone uno all’orecchio destro. Con il tempo poi l’attenzione riguardo i materiali ha fatto preferire per piercing composti da materiali biocompatibili, con meno impatto possibile sul corpo e sul foro che viene realizzato al momento dell’applicazione. Sono davvero tante le tipologie di gioielli che possono comporre il piercing. “Barbell o straight barbell” è composto da una barretta e due palline che hanno la funzione di bloccare il piercing evitando fastidiosi movimenti.

Questo particolare gioiello compone il Nipple Shield: un piercing di varia grandezza che si applica sul capezzolo con un barretta di bloccaggio ed il D-Ring che si compone anch’esso da una piccola barretta con un segmento a forma di lettera D, anche questo gioiello è spesso utilizzato per il piercing al capezzolo. Il “Ball closure ring” consiste in anello che viene chiuso all’estremità da una pallina; questa applicazione è spesso utilizzata per quello al setto nasale ed al lobo. Il “Circular barbell” è un anello aperto con due palline che chiudono le due estremità mentre il “Labret Stud” consiste in una barretta con l’estremità piatta che ferma il gioiello. I “Plug” ed il “Flesh Tunnel” sono rispettivamente dei gioielli pieni che consentono l’allargamento del foro mentre il secondo è internamente vuoto. Tutti i gioielli sono composti da materiali che, come detto, sono realizzati appositamente per preservare la salute. Nonostante ciò devono essere applicati con molta attenzione ed esclusivamente da personale esperto con materiali adeguatamente sterilizzati, il rischio di incorrere in gravi infezioni è, infatti, sempre dietro l’angolo.











  • Piercing al Trago

    Nella panoramica dei piercing questo all’interno dell’orecchio nella parte cartilaginea ha un livello medio-alto di..