Piercing all’ombelico e doccia: come fare



Uno dei piercing più amati ed eseguiti da sempre è il piercing all’ombelico. Come già detto in un articolo precedente questo viene praticato utilizzando: pennarello per marcare la sede dove sarà praticato il foro, delle pinze, aghi sterili ma soprattutto la bravura e la pazienza del professionista che eseguirà la procedura. Una delle domande che spesso ci viene posta è: Subito dopo il piercing all’ombelico posso lavarmi?

piercing ombelico doccia

La risposta a questa domanda è sicuramente positiva. Come ben sapete il modo per disinfettare il piercing è proprio pulirlo con acqua fresca utilizzando per i primi periodi un sapone antibatterico che vi sarà raccomandato dal vostro piercer di fiducia, ma in assenza di questo anche il sapone neutro va bene. Dovete bagnare per bene con l’acqua il vostro piercing, applicando il sapone e delicatamente rimuovere il gioiello in modo tale da lavare sia questo che la ferita. Dopo aver insaponato per bene e delicatamente, risciacquare con acqua non troppo calda perché è controproducente per il processo di cicatrizzazione della ferita, facendo attenzione a non lasciare residui di sapone sulla ferita.

Durante l’asciugatura è preferibile non utilizzare materiali di cotone per evitare che si laceri ma anche perché sono portatori di batteri. La fase di risciacquo e di asciugatura possono essere sfruttate per rimuovere eventuali crosticine che normalmente vanno a formarsi sulla ferita, le quali se non rimosse subito possono rallentare la fase di guarigione del vostro piercing. Quindi, ritornando alla domanda, la doccia è sicuramente il modo migliore per lavare questo tipo di piercing purché conosciate le giuste informazioni.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto