Piercing alla cartilagine: di cosa si tratta?



I piercing all’orecchio sono di sicuro i piercing più diffusi, ma con il termine piercing all’orecchio possiamo individuare un grandissimo numero di fori posti in parti differenti, tra cui vi è quello posto sulla cartilagine, ovvero nella parte superiore dell’orecchio.

piercing cartilagine

Il piercing alla cartilagine non è immune dalle complicanze, è importante saperlo, proprio per questo per prima cosa vi sconsigliamo di ricorrere a metodiche non consone, come ad esempio l’utilizzo della pistola spara orecchini, che aumenta in particolare il rischio di contrarre infezioni. Si tratta di una complicanza spiacevole ma comunque non eccessivamente pericolosa se contrastata in tempo, se invece non viene curata alla perfezione potrebbe portare anche a chiudere il foro. Oltre il rischio di infezione, la pistola spara orecchini ha una velocità troppo elevata e potrebbe causare traumi al padiglione auricolare, per questo si consiglia di affidarsi ad un professionista che utilizzi l’ago sterile, ma soprattutto che conosca bene quali possano essere le complicanze.

L’orecchio è ricco di terminazioni nervose e qualora si forino parti scorrette possono riscontrarsi non solo problemi di udito, ma anche una vera e propria deformazione del padiglione, piegandolo in avanti. Per quanto concerne la cura del piercing alla cartilagine, non vi è nulla di differente dalla solita cura di qualsiasi altro piercing, basta in generale disinfettare bene la zona con soluzione salina, utilizzando anche dei cotton fioc per eliminare eventuali croste o sporco che si sia accumulato intorno al foro. E’ poi importante evitare di far toccare i capelli che potrebbero essere veicolo di infezione o dormire sul lato del piercing.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto