Piercing al sopracciglio, consigli per la salute



Il piercing alle sopracciglia è senza dubbio uno dei più comuni e dei più apprezzati piercing, probabilmente anche perché è molto semplice da realizzare e quasi del tutto privo di rischi. Molto utilizzato nelle tribù del sud est asiatico per festeggiare l’approdo nell’età adulta, è comune in molte culture nel mondo mentre in Occidente è approdato solo negli anni 70, senza un significato vero e proprio, ma come segno di riconoscimento per gli appartenenti alla cultura punk.

Piercing al sopracciglio

Questo piercing può essere realizzato in vari punti del sopracciglio, anche se la maggior parte dei casi è presente nell’estremità, anche se non è raro vederne alcuni anche nel mezzo o addirittura nella parte vicina al naso. In tutti i casi è necessario massima cura ed attenzione da parte del piercer che come sempre non dovrà utilizzare la pistola, molto pericolosa soprattutto se utilizzata nei pressi del naso, area attraversata da molti nervi che governano il movimento orbitale degli occhi.

Le attrezzature del professionista dovranno essere opportunamente sterilizzate anche se, come detto, non presenta una particolare pericolosità. La guarigione dovrebbe avere la durata variabile dai sei ai dodici mesi. Una volta terminata questa fase, il foro rimarrà ben visibile sul sopracciglio, anche nel caso di rimozione del gioiello installato. Le prime ore dopo l’applicazione del piercing, potrebbero registrarsi fuoriuscite di un liquido biancastro. Rare sono le infezioni, in occasione dell’insorgenze delle stesse è fondamentale l’utilizzo di antibiotici, dopo aver consultato il piercer o meglio ancora il medico di fiducia.

Alla realizzazione del foro potrebbe corrispondere un elevato sanguinamento, evento normale vista la presenza di numerosi capillari. Già dopo pochi minuti dall’applicazione del gioiello potrebbero insorgere anche ematomi e lividi la cui durata potrebbe prolungarsi anche per diversi giorni, ma tutto ciò è normale. Solo nel caso in cui dopo due settimane il livido non dovesse sparire, diventerà essenziale allertare un medico.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto