Piercing al sopracciglio : come curarlo



Il piercing al sopracciglio è molto diffuso e solitamente non presenta problemi nella guarigione, che è infatti abbastanza rapida, tuttavia come per tutti i piercing, considerando che si tratta di fori sulla nostra pelle, possono esserci delle complicanze da evitare prestando le cure più idonee alla parte forata.

piercing-sopracciglia

Si tratta di un piercing molto sicuro e che non comporta rischi, può essere fatto sia in orizzontale che in verticale, anche se quest’ultimo è il più diffuso, ed alla distanza che preferite, anche se più ci si avvicina al naso più ci sono rischi per la presenza dei nervi. Nonostante si tratta di un piercing sicuro, bisogna rivolgersi comunque ad un piercer professionista che rispetti le norme igienico-sanitarie ed utilizzi attrezzature sterili e materiale ipoallergenico. La guarigione avviene tra le 6 e le 8 settimane, mentre per la completa cicatrizzazione ci vorranno tra i 6 ed i 12 mesi, dopo questo tempo sarà difficile che il foro si chiuda se rimuovete il gioiello per qualche ora o giorno.

La disinfezione del piercing va effettuata per le 6 settimane almeno due volte al giorno, sarà il piercer stesso a consigliavi quale disinfettante usare, quello più utilizzato è di sicuro la soluzione salina. Non toccate il piercing con le mani sporche e fate attenzione a non “maltrattarlo”, toccando continuamente la barra o spostandolo, il piercing può essere cambiato dopo due mesi, ma dovrete fare attenzione a non utilizzare gioielli che vi causino allergie. Seguite tutte le indicazioni che vi saranno date dal piercer e nel caso in cui il foro o la zona circostante presenti arrossamenti o rigonfiamenti rivolgetevi allo stesso per ricevere maggiori informazioni.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto