I disegni più belli per i tatuaggi



L’arte del tatuaggio è davvero complessa, molti sono i disegni che possiamo scegliere per decorare il nostro corpo. Tra quelli che più sono entrati nell’uso comune ci sono i fantasy. Questa categoria di raffigurazioni si ispira ai racconti ed ai libri contemporanei. Molto seguiti per esempio Harry Potter o altri del genere. Fate, gnomi, demoni, fantasmi, draghi o vampiri sono diventati molto ricorrenti nell’arte dei tattoo.

disegni tatuaggi

Un altro filone molto interessante è senza dubbio quello dei tatuaggi orientali. L’ispirazione per le leggende dell’estremo oriente hanno sempre il loro fascino, non è raro quindi ritrovare raffigurazioni di draghi o altre creature mostruose alate oppure anche i famosi samurai o ninja. Ricchi di mistero sono anche i tatuaggi gotici. Le raffigurazioni in questo stile raggruppano croci celtiche, pipistrelli, coltelli, castelli, teschi o vampiri. Sono particolarmente indicati da coloro che amano il dark o per i motociclisti.

Molto ricorrenti anche i tatuaggi con gli scorpioni da sempre un disegno tra i più ricercati dagli appassionati di tatuaggi in tutto il mondo. Lo scorpione è il simbolo di aggressività e di paura, lo stesso terrore che incutono ai beduini nel deserto del Sahara dove abbondano questi animali. Disegni che ricorrono spesso sono anche quelli relativi ai segni zodiacali. Conosciuti praticamente da tutti l’interpretazione dei segni zodiacali ha da sempre affascinato l’uomo costantemente affascinato dalla conoscenza del futuro.

La scelta sul segno zodiacale ricade spesso come simbolo portafortuna. Sempre di più sono coloro che scelgono di tatuarsi il disegno del Sole e delle Luna. Raffigurazione molto comune tra il genere femminile sono spesso associati al calore. Il simbolo del Sole rimanda ad una positività che si traduce nell’essere gioviali o appunto “solari” mentre la Luna rimanda invece alla purezza. I tatuaggi Maori vengono raffigurati spesso sugli arti, molto spesso rappresentano idoli o guerrieri, si accostano molto ai tribali.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto